Archivio donna

Avere un’amica.

disperazione[1]

Cenetta intima, ieri sera.

Una bella tavola, delle pietanze cucinate con amore.

Lei che apriva il suo cuore e io ascoltavo, in silenzio.

Piangeva, ogni tanto, e il suo viso rigato di lacrime

era la carrozzeria dell’anima rigata dagli sfregi del dolore.

L’amore è crudele, a volte.

Sei in balia di emozioni incontrollabili,

e spesso non ricambiate.

La guardavo disperarsi,

in silenzio,

mentre addentavo quelle pietanze,

buttando giù il vino per stordire la coscienza

e addormentare la pena.

Lei è la mia amica,

e non soffre per me.

E io posso,

solamente,

ascoltare il suo dolore,

asciugarle le lacrime con la mano,

e gli sfregi con le mie parole.

Gente insospettabile.

Donna di schiena celata

Contatti digitali, forse impersonali, per interposta tastiera,

permettono di sfiorare vite d’altri,

divertenti e accattivanti,

di allegra gaiezza o di devastante tristezza,

contatti profondi di nuovi e abissali mondi,

o fatui e volatili di vecchi e prevedibili fossili.

E’ un mondo di splendide donne  che si nascondono

per paura di essere giudicate per il seno e non per il senno,

uomini seri che vogliono svagarsi,

senza per questo necessariamente fare i galletti,

ma anche tragiche maschere pacchiane o barocche

di gente triste, spenta e aspiranti gnocche.

In tutto questo mare confuso una cosa è certa e sicura:

quello che si scrive rimane a memoria futura.

Ispirato dal tweet

“C’è tanta gente profonda dietro apparenze superficiali,

basta grattare il primo strato per stupirsi.”

http://twitter.com/insopportabile

La Donna Perfetta.


Vi parlo dell’uomo normale,
che cerca la donna perfetta,
ma non per questione di tetta,
di carne o salute dentale.
La cerca senziente e sapida,
di tanto cervello capiente,
che sappia dir cosa intelligente,
e non scontata e stupida.
Ma il giovane sano e eccitato,
non vuole cotanta sapienza,
ma solamente a una cosa è interessato,
ed è senza cervello, pazienza.
L’uomo ragiona e s’angustia,
e il brutto a volte è apprezzato,
ma l’uomo è pur sempre una bestia,
e per questo finisce arrapato.
Insomma, la donna perfetta,
prospera nel nostro cervello,
idea o utopia, non è detta,
in fondo è il nostro fardello,
in un mondo che vive in braghette,
girandosi in torno a toccare le tette.

Idea di Donna.


Folletto multicromo,
bizzarra donna colorata di vita,
saltella e zompetta
per la vita reale e virtuale,
lasciando il segno:
il suo,
pennellato,
ritagliato,
cucito e servito.
Arte nelle mani e nel cervello,
dietro un sorriso di donna
che sa stupirsi per il bello,
e si commuove per un nonnulla,
per un vecchio o un bimbo in culla.
Vivere seguendo una strada è facile,
per tutti,
e la vita scorre così inesorabile
come la vecchiaia.
Vivere seguendo La Strada
è la scelta più dura,
e la vita cammina
come un salmone sulle cascate:
ma c’è fresco e si è liberi,
di dire che si è vissuto
fino alla vecchiaia,
da giovani.
Perchè è l’idea che abbiamo di noi stessi
che ci permette di non sentirci finiti,
arrivati, consumati, spremuti.
Se l’idea è buona,
viviamo come un bicchier d’acqua,
bevuto in un sorso.
E rinfrancati,
facciamo più felici anche gli altri.
Bè, sei una buona Idea.
Riferimenti: Giorgi

Elenoir, donna o semplicemente gnocca?


Parlo di una donna misteriosa,
con le unghie stiletto,
e la lingua affettatrice,
il fisico mozzafiato,
e il fiato mentolato.
Elenoir.
Una donna che mi ha fatto
da balia asciutta,
mi ha preso in simpatia,
ma non mi ha mai portato a letto.
Una donna simpatica come una comica di Charlot,
ma anche come un porcospino nel sedere.
Frequenta gente chic, certe volte choc,
altre sciocch.
Bersaglio preferito dei fannulloni della rete,
preferibilmente ignoranti,
ha il suo fedele seguito tra intellettuali snob,
etno trash,
ragazzotti barzotti
e nonni voyeur,
donne stizzite
zitelle digrignanti,
amiche confidenti,
anonime infestanti.
Cosa dire della donna,
bella, gnocca e disinvolta,
se non che ogni santo giorno,
lo condisce con contorno,
di piacevol leggerezza,
e di fatua piacevolezza.

La donna è divina.


Basta uno sguardo
(come questa signorina)
e irreprensibili persone
perdono ogni cognizione,
e fa vacillare la mente
rendendo ogni certezza un dubbio assoluto.
Animali deboli,
che hanno bisogno delle donne.
Ma anche insoddisfatti,
perchè non si accontentano,
esploratori del vero continente misterioso,
astronauti verso l’infinito femminile,
archeologi del rompicapo più indecifrabile della storia.
Le donne hanno un potere divino,
e gli uomini cercano in loro la mamma,
la moglie, l’amante, la bambina,
la confidente e la bella statuina.
L’icona.
La donna è il vero Dio del nostro tempo.

Donna svestita o castigata?


Sono sempre stato attratto dalle curve femminili.
Ma non mi è mai piaciuto il corpo nudo,
esposto, mercificato.
Mi piacciono quei vestiti che scoprono poco,
che lasciano all’immaginazione,
che intrigano e ti lasciano l’acquolina in bocca.
Trovo volgari minigonne e magliette aperte,
tanga e topless,
pantaloni a vita bassa troppo bassa
con mutanda incorporata.
Una bella donna non ha bisogno
di far vedere quello che si può benissimo immaginare.
Un donna non bellissima
è più decorosa se vestita con buongusto.
Perchè poi, in estate, sono tutte mezzo nude,
con ombelico al vento anche con il maestrale gelido
che ammazzerebbe un cavallo?

Una donna per amico: è possibile?


Gli occhi negli occhi, parliamo all’infinito gustando la conversazione fino all’ultima stilla.
E poi…
No, non è come pensate, è solo una amica.
Carina e simpatica certo, ma pur sempre un’amica.
Ma quando affermo che non penso minimamente a qualcosa di più vengo preso per scemo o per bugiardo.
Per me l’amicizia tra uomo e donna può esistere senza implicazioni di altro tipo, ma credo di essere una mosca bianca.
Perchè tutto deve essere sempre, insistentemente, solamente e noiosamente ridotto ad una questione di solo sesso.
Il sesso lo faccio con la persona che ho scelto e non per questo se ho piacere di parlare con altre vuol dire che le voglio meno bene o mi manca qualcosa o ancora me le voglio spupazzare tutte.
O meglio, la vita non è fatta solo di mogli e fidanzate, ma di rapporti interpersonali che, per forza di cose, comprendono uomini e donne.
Ho notato poi che le donne trovano più naturale avere amici uomini, ma forse perchè hanno il pallino in mano.
Insomma, esiste o no quest’amicizia disinteressata?